mercoledì 28 novembre 2007

Eco Terreno


Un racconto che dedico alla mia insegnante di inglese.

In classe l'insegnante.

é inverno ma l'opprimente caldo spegne il respiro.

Ragazzi annoiati guardano un'eco terreno seguendo una nenia odiosa.

L'effige parla per emozioni ed i ragazzi le rifiutano il chiaro ascolto.

Due volano in quaderni vuoti ,un pensiero è unico alla classe.

Due ore cadono pesanti.

Un suono di celestiale frastuono interrompe l'odiosa maledizione.

Ed è infinito.

Nessun commento:

Mel

Vita Eterna

.mid">