martedì 25 marzo 2008

E perche mai doveva mancare la mia Pasquetta ?


Mi sveglio



è presto



Mi preparo con calma e carico la macchina



Cazzo il Dolce!



Partenza tranquilla, si sente la mancanza degli Artic in trasferta sull'altra auto



Da me fa la neve ma a Latina il tempo è accettabile



Sono il Primo



Arriva il Tiz con il Padre, saluti auguri e si rimane tre in attesa


Soliti ritardi solo il Tonini puntuale, e..Genny se nn fossi stata tu ce ne saremmo gia andati comunque si comincia, tutti pronti, Giovanni allupato per la stupenda visione della sorella di Genny, Io E Tiz ci si incammina per arrivare a Sabaudia, lungo il traggitto si ritrovano i fedeli Artic, e da lì a casa di Jacopo.

Arriviamo e piove, il Dolce si fa attendere, effettuiamo un cambio d'auto causa la scarsità di spazio e l'ingombro della mia stazza. Si riparte, dagli Artic a Giovanotti, diretti dal Matteo. Si arriva da lui e si scarica, saluti e baci, auguri e chiacchiere e arrivano anche gl'altri. Sistemiamo il tavolo e ci presentiamo ai nuovi sconosciuti, il tempo continua a fare schifo, sistemazione effettuata si carica la tavolata.

Dopo l'abbuffata si chiacchiera e si esce, si gioca e ci si conosce, simpatico il Njuera che a me non è sembrato affatto un prete quanto mi ha ricordato l'immagine di uno scrittore che a me piacque molto, con le ragazze non ho fraternizzato molto ma sono entrambe molto simpatiche spero altrettanto. La sorella di matteo mi sta sempre più simpatica, forse perche in parte mi ricorda la mia sorellina, riguardo a Palmacci, Perroni e il Calisi che dire mm... forse il solito ma in tutti i casi sempre prevedibilmente gradevoli (non è un'offesa ma un pregio).

Poi chiacchiere chiacchiere e qualche passaggio a palla e chiacchiere chiacchiere, si cammina lungo la strada, piove e chiacchiere chiacchiere chiacchiere ,Tiz e altri fanno filmini mentre noi si parla in un'atmosfera surreale nel garage di matteo a luminaria d'atmosfera, nel sottofondo si notano alcuni istanti di Noia dal Calisi e altri poi ripresisi.

é tardi son le sette

Si decide di partir

Saluti baci abracci e in macchina

Guida Genny e il terrore dilaga, la macchina si spegne quattro volte ma si riesce a non farsi ammazzare, sull'arrivo il Tonini se ne va e in tre si sta in attesa, infine il ritorno in un paese diviso più rosso nel viso che gonfio d'amor.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

In che senso Giovanni è rimasto solo con genny?

sinistro ha detto...

nel senso che dopo che me ne sono andato son rimasti loro soli soletti in macchina.

fungo ha detto...

oddio...
no dico...
Liviuccioamoremio, immagina Giovanni che ci prova allo stesso modo in cui lo fa con Silvia (o chiunque altra) in classe...
deh hi hi ho hu...

...gli Arctic Monkeys si chiamano ArCtic con la C in mezzo, ma nessuno ci fa mai caso, mi accorgo infatti, sopo aver scialacquato un pleurio nel negozietto di barcellona, che sulle spille comprate da me e dall'Ariannabarone c'è scritto Artic zenza la c di mezzo...
ma che cazzo...


in effetti anche l'immagine, di quelle spille, fa cagare...


"i soldi sono fatti per essere scialacquati e allora boys, scialacquate... scialacquate boys..."

matteo ha detto...

mi piace come scrive livio e comunque ho realizzato che anotnio è una persona molto simpatica anche se la vedo una volta allìanno (e questo cosa c'entra?)

Mel

Vita Eterna

.mid">