giovedì 17 aprile 2008

Il Franco e IL Latino


Compagni arriva la carica, marcia serrata e cuore di terra

Compagni L'arrivo è vicino, braccia di ferro e passo rugiada

Il Franco attacca Il Latino

Mira violenta, schiva veloce

occhi distanti, morti nel mare, parlano a desideri in fuga in patria caduta mentre Compagni vicini con diverso colore ammirano rari miraggi adoranti d'Amore. Amore ragazza gitana, verde brughiera in colline sabbiose, parla con vuote parole. Verita l'ascolta di pigro silenzio sdraiata con luce nell'immenso assoluto, ed Ombra alquanto gentile, persona isolata, pigra puledra bacia Freddo cugino precoce. Caldo l'osserva e prova Pietà sempre disposta, allegra, sicura, gioviale compagna, dolce coniglia in casa Bontà. Casa enorme con ville e dimore d'alloro, viali di vino e mura d'avorio, in essa Sentimento dimora, padre fedele, amico sicuro. Sua sposa è Dolore, Triste signora, spesso consiglia, spesso riposa, Cagna adorante d'un marito perfetto culla Amore e assente è Difetto, fratello geloso, amante villano amico di Furia canaglia lasciva, debole, schiva, animale selvaggio spesso amico, spesso rivale D'Amore Fanciulla leggiadra Sorella D'Affetto ragazza di Cuore.

Nessun commento:

Mel

Vita Eterna

.mid">