sabato 12 aprile 2008

U.F.O (per il caro Francescooh)


UFO è l'acronimo inglese per Unidentified Flying Object o Unknown Flying Object, ovvero oggetto volante non identificato (in italiano, e in generale nelle lingue neolatine, l'acronimo è appunto OVNI).
Propriamente, si definisce UFO un qualsiasi oggetto volante avvistato, fino al momento della sua identificazione. Ad esempio, è classificabile come UFO un aereo che compare inaspettatamente su un radar di una torre di controllo prima che esso comunichi il proprio identificativo. Tuttavia, è entrata nel linguaggio e nell'immaginario comune l'identificazione degli UFO con oggetti di possibile origine extraterrestre in quanto apparentemente impossibili da classificare in altro modo. In questo contesto, è divenuto popolare anche il termine disco volante (dall'inglese flying saucer[1]), utilizzato a partire dagli anni quaranta del XX secolo (sebbene la forma dei presunti UFO non sia sempre discoidale o lenticolare, ma in molti casi oblunga o a sigaro).
Con il termine UFO ci si riferisce quindi generalmente all'osservazione di fenomeni nel cielo che né l'osservatore, né le autorità e neppure eventuali ricerche di studio siano riusciti a ricondurre con certezza all'identificazione con oggetti di tipo artificiale (come velivoli, satelliti artificiali) o fenomeni naturali (pianeti, stelle cadenti, meteore, fulmini globulari, altri fenomeni atmosferici) ed interpretati da alcuni come oggetti di presunta origine extraterrestre. Il termine UFO è comunemente utilizzato dai media, nella fiction e nella fantascienza per indicare navi spaziali di civiltà extraterrestri di avanzato livello tecnologico.
Il variegato campo d'interesse e d'indagine nei confronti del fenomeno degli UFO, nato nel dopoguerra, ha preso il nome di ufologia, e ufologi quelli che se ne occupano; essa è considerata una pseudoscienza.
Gli oggetti non identificati che vengono avvistati sotto la superficie del mare vengono definiti USO (Unidentified Submerged Objects). Gli USO, seppure presenti da poco, stanno acquistando molta importanza, specie tra gli ufologi principali.

Ufologia

L'ambito di ricerca che si propone di studiare il fenomeno UFO è stato chiamato dai suoi sostenitori ufologia e dovrebbe essere, nel suo nucleo fondamentale, una forma di indagine che combina due caratteri: uno essenzialmente storiografico-documentale, occupandosi di raccogliere e catalogare l'enorme mole di presunte osservazioni e di fenomeni UFO; e uno di carattere più scientifico tentando, mediante rilevazioni di tipo fisico, fotografico, astronomico, chimico, medico, psicologico, etc., di individuare le cause dei fenomeni provvisoriamente considerati di tipo UFO.
Va tuttavia sottolineato che l'ambiente ufologico è estremamente variegato e vi afferiscono anche esponenti che per motivi ideologici, religiosi, commerciali o soltanto per apparire sui media, pretendono di attribuire, definire o semplicemente supporre "scientificamente" l'origine extraterrestre dei fenomeni osservati, basandosi su considerazioni per niente scientifiche ma soggettive.
Il tentativo di applicare solo in parte il metodo scientifico da parte degli ufologi alla fenomenologia UFO con la pretesa di giungere a conclusioni "scientifiche", collocano tradizionalmente l'ufologia nell'ambito della pseudoscienza. Considerando gli UFO alla stregua di altri fenomeni paranormali, dal punto di vista dell'epistemologia non è possibile escludere che tali fenomeni esistano, e la scienza non ha il diritto di affermarlo come se fosse un dato "scientificamente dimostrato": non lo è. Ma non è possibile neppure affermare che essi esistano: non fino a quando qualcuno non sarà riuscito ad affrontarne almeno uno nel pieno rispetto delle regole del metodo scientifico.[2]
Le posizioni più estreme in campo ufologico assumono che la mancanza di prove credibili dell'esistenza degli UFO sia da attribuirsi ad uno sforzo continuato e coordinato da parte delle autorità governative e militari, negli ultimi 50 anni, allo scopo di sopprimere tali prove. Tale teoria della cospirazione è nota come teoria del complotto UFO.

Avvistamenti di UFO

Il fenomeno degli avvistamenti di UFO è divenuto un soggetto popolare nella seconda metà degli anni quaranta negli Stati Uniti. Gli avvistamenti sono stati effettuati da persone comuni, e talvolta da personale dell'aviazione civile e militare. Gli avvistamenti sono stati raramente accompagnati da filmati, tracciati radar, fotografie, più spesso da testimonianze dirette. Questo tipo di documentazione si è spesso rivelata oggetto di palese falsificazione, in particolare per quanto riguarda le fotografie (nel senso di oggetti resi ad arte non identificabili per destare interesse).[citazione necessaria]

Le tipologie di avvistamenti

I casi di avvistamento UFO sono particolarmente variegati, anche in considerazione del fatto che si basano fondamentalmente su testimonianze umane e non su registrazioni meccaniche.
E' stato comunque necessario cercare di ricondurre tali avvistamenti in categorie basate fondamentale sulle caratteristiche descrittive delle osservazioni e sulla distanza intercorrente tra testimone e fenomeno. In questo modo sono stati creati dei raggruppamenti di segnalazioni tra loro relativamente omogenee e, quindi, teoricamente adatte a delle analisi statistiche.
Nonostante l'esistenza di altre proposte, la classificazione al momento più usata e' quella sviluppata nei primi anni settanta da Josef Allen Hynek, la Classificazione Hynek. Pur essendo talvolta piuttosto generica ed incapace di descrivere la complessità del fenomeno UFO, rimane comunque un sistema di riferimento universalmente impiegato da praticamente tutti gli studiosi della materia.

Luci notturne
Fenomeni luminosi solitamente non strutturati osservati nel cielo notturna ad una certa distanza dal testimone. Costituiscono la grande maggioranza di tutti gli avvistamenti UFO raccolti.

Dischi diurni

Fenomeni luminosi o di aspetto apparentemente solido osservati nel cielo diurno ad una certa distanza dal testimone.

Casi radar-visuali

Casi di avvistamento rilevati da apparecchiature radar, talvolta con una contemporanea osservazione visiva.

Incontri ravvicinati
Fenomeni osservati al suolo o in sua prossimità, con tracce o presenza di "entità animate", osservati a breve o brevissima distanza dal testimone.

Casi particolari
Tra i tanti tipi di avvistamento UFO ve ne sono alcuni che risultano più interessanti di altri, solitamente a causa del più elevato contenuto di "stranezza" presente nei resoconti testimoniali (spesso dovuto alla ridotta distanza esistente tra testimone e fenomeno).
Su di essi si sono sviluppati attenzioni e studi specifici, al fine di specializzare l'analisi su eventi apparentemente tra loro omogenei.

Incontri ravvicinati

Si tratta di quegli avvistamenti in cui la distanza tra testimone e fenomeno è inferiore ai 150 metri ed il fenomeno stesso si trova al suolo o a pochissima distanza da esso. Vi possono essere effetti temporanei (ad esempio: interruzioni di corrente, disturbi elettromagnetici, inquietudine di animali) oppure duraturi (tracce su suolo o vegetazione, effetti fisiologici), osservazioni di "entità animate" o addirittura eventi eccezionali di "tempo mancante" o "contatto".

Casi con tracce

Si tratta, spesso, di "incontri ravvicinati" che includono la presenza di tracce su suolo e/o vegetazione trovate dopo un avvistamento, ma molte volte sono semplici scoperte di strane tracce senza alcuna osservazione di fenomeni aerei anomali, a cui vengono comunque associate in virtù della loro stranezza e di alcune caratteristiche comunemente associate all'idea popolare di "UFO".

Casi con fotografie

Si tratta dei casi in cui viene presentata una documentazione fotografica o video (o cinematografica) a supporto del racconto testimoniale. In alcuni di essi, si è in presenza di bizzarri fenomeni comparsi nelle immagini sviluppate ma non osservati ad occhio nudo. Nella stragrande maggioranza di questi eventi si tratta di difetti di ripresa o di sviluppo o, ancora, di corpi esterni ripresi accidentalmente.

Avvistamento di piloti
Si tratta di casi in cui i testimoni sono piloti militari o civili, solitamente in volo. Vista la particolare preparazione dei testimoni e la specifica particolarita' della situazione di avvistamento, a questi casi viene attribuita una particolare importanza.

Fotografie dell'astronomo messicano Bonilla


La fotografia di Bonilla
Il 12 agosto 1883 il professore ed astronomo messicano, José Y. Bonilla, presso la postazione di Zapatecas, riportò di aver osservato una numerosa e lunga formazione di oggetti opalescenti che si frapponevano fra il suo telescopio ed il disco del sole. La fotografia scattata dallo studioso è considerata dagli assertori dell'esistenza degli oggetti volanti come la prima testimonianza fotografica della storia.[3]

Foo fighters

Già durante la seconda guerra mondiale vengono riportate diverse testimonianze di piloti dell'aeronautica militare alleata che asseriscono di essere stati accompagnati in volo da strani oggetti luminosi, in un primo momento scambiati per ipotetiche armi segrete nemiche. Questi oggetti o fenomeni ottici, rivelatisi innocui e soprannominati Foo fighter dai piloti, oltre a manifestare comportamenti riconducibili secondo qualcuno a "forme di intelligenza", manifestavano spesso incredibile velocità e strabilianti manovre, ai limiti delle leggi fisiche, impossibili per i piloti dell'epoca.

L'avvistamento di Kenneth Arnold
L'ufologia moderna nacque il 24 giugno del 1947 quando Kenneth Arnold, un ricco uomo d'affari americano, raccontò di avere visto dal proprio aereo privato, senza identificarli, nove oggetti simili a dischi volanti librarsi in formazione serrata vicino al monte Rainer, nello stato di Washington. Questo avvistamento portò all'attenzione dell'opinione pubblica mondiale il fenomeno UFO, dando vita al fenomeno popolare dell'ufologia. Le autorità affermarono che si trattava, probabilmente, di nove aerei ad ala volante della Northtop, vincolati al silenzio radio e radar e senza insegne militari, che venivano collaudati a quei tempi nei dintorni di Seattle, vicino a dove oggi giorno si trovano le fabbriche della Boeing.
Il primo avvistamento UFO di massa avvenne il 7 gennaio 1948, quando alle 14 a Madisonville molte decine di persone videro un oggetto circolare che emanava una luce rossa sorvolare la città.[citazione necessaria] Dall'aeroporto militare di Fort Knox si sollevò una squadra di aerei da caccia P-51 guidata da Thomas Mantell per inseguire l'oggetto. I velivoli erano però sprovvisti di ossigeno e il capitano, che inseguì l'oggetto fino ad alta quota, secondo la versione ufficiale[citazione necessaria], rimase vittima della manovra, dopo aver comunicato alla torre di controllo di trovarsi di fronte ad un oggetto metallico di enormi dimensioni. Secondo la versione dell'esercito[citazione necessaria], Mantell avrebbe avuto delle allucinazioni per l'alta quota, scambiando per un disco il pallone meteorologico della marina Sky Hook. Sempre la carenza di ossigeno gli avrebbe fatto perdere conoscenza, provocando l'incidente aereo.

L'UFO del 1970 in Francia che ruotava attorno al Concorde
Uno dei filmati riguardanti gli UFO, considerato dagli ufologi fra i più significativi, è un filmato per uso industriale della Aérospatiale, degli anni settanta, girato in Francia[5], in cui venivano ripresi i primi voli dell'aereo passeggeri supersonico Concorde. In una sequenza del filmato si può notare una piccola macchia in movimento all'altezza dell'attacco delle ali: la qualità della pellicola è bassa e presenta diversi difetti, lo stesso oggetto è piccolo e poco definito, ma si distingue una forma abbastanza circolare e di colore chiaro.
Secondo alcuni ufologi, si tratta di un oggetto di origine sconosciuta, con una superficie metallica, che si avvicina all'aeroplano dal lato destro, prendendo poi a fluttuare nei pressi della cabina come a voler "sbirciarvi" dentro, per poi ruotare intorno l'aereo, come ne se stesse compiendo una scansione, indicandola come manovra impossibile anche per i velivoli odierni (2007), per sostenere questa ipotesi.[citazione necessaria] Altre persone che hanno osservato il filmato l'hanno invece interpretato semplicemente come un artefatto o un riflesso dell'ottica della cinepresa.
Il racconto di chi lo interpreta come l'avvistamento di un UFO continua con la "sfera" o possibile Foo fighter, che sorpassa il Concorde ad una velocità sorprendente. Sebbene la fonte del filmato possa ritenersi attendibile e disinteressata, l'interpretazione della macchia come oggetto volante non identificato o invece come artefatto della ripresa è discussa, non essendo inequivocabile.

Gli UFO in Italia

Secondo alcuni ufologi italiani[citazione necessaria] il primo caso documentato di UFO in Italia, risalirebbe all'11 aprile 1933. Alcuni documenti dell'epoca[citazione necessaria] dimostrerebbero che un presunto UFO sarebbe atterrato o si sarebbe schiantato nei pressi di Milano. In seguito al fatto Mussolini avrebbe creato il Gabinetto RS/33. I presunti avvistamenti di UFO sono progressivamente aumentati dal dopoguerra ad oggi, toccando il massimo nel 1978 e nel 2005. Fra i casi più eclatanti si ricordano:
La Nazione di Firenze del 28 ottobre 1954 titolava: Filamenti di vetro cadono su città toscane dopo il passaggio di globi e dischi volanti - Il fenomeno osservato a Firenze da centinaia di cittadini le segnalazioni di Siena e di Prato - Sospesa la partita Fiorentina Pistoiese - I risultati dell’analisi fatta da un illustre docente universitario. Vedi anche: UFO di Firenze
Nel 1973 un aereo di linea dell'Alitalia partito da Roma e diretto a Napoli avvistò sopra Latina un misterioso oggetto rotondo color grigio. Due caccia dell'Aeronautica Militare decollarono dalla base di Ciampino e confermarono l'avvistamento. [4]
Quello di Fortunato Zanfretta, ex metronotte genovese è il caso più conosciuto e controverso di rapimento alieno italiano. Ha dichiarato[citazione necessaria] di essere stato rapito la notte fra il 6 dicembre e il 7 dicembre 1978 mentre svolgeva il suo lavoro presso Marzano, frazione del comune di Torriglia in provincia di Genova. Le esperienze si sarebbero poi ripetute[citazione necessaria] nei due anni successivi; sottoposto ad ipnosi ha raccontato di presunti alieni, chiamati Dargos, in procinto di invadere la Terra e di colonizzare l'Antartide. Il caso ha suscitato forti polemiche, anche per la sua presunta strumentalizzazione da parte degli ufologi e dei giornalisti.
In totale gli avvistamenti censiti dal 1947 sono 18.5000 [5]

Le quattro ondate di grandi avvistamenti

1950: Nord Italia
1954: Nord e Centro Italia (annata del famosoa avvistamento di Firenze)
1973: tutta Italia
1978: Sud Italia

Presunti UFO nei quadri italiani

La testimonianza principale del possibile passaggio di UFO in passato sull'Italia non viene dalla scienza, ma bensì dall'arte del XIV-XVI secolo. Infatti, molti dipinti lasciarono e lasciano interdetti gli studiosi, dato che sembrerebbero raffigurare corpi volanti le cui caratteristiche ricordano da vicino quelli descritti dai contattisti.
Tra i principali vanno ricordate: La Madonna con Bambino e San Giovannino di Filippo Lippi (1406-1469) in cui appare uno strano oggetto assai somigliante ad una nave volante; La Tebaide di Paolo Uccello (1397-1475), per la presenza di un classico UFO "a cappello da prete"; La Glorificazione dell'Eucarestia di Ventura Salimbeni (1568-1613), dove appare una strana rappresentazione di un globo simile ad un moderno satellite.
La Madonna con Bambino e San Giovannino del Lippi è oggi esposta nella "Sala di Saturno" di Palazzo Vecchio a Firenze. Da molti è definita "la Madonna dell'UFO" o "la Madonna del disco volante". Difatti, da molti anni è al centro di un dibattito creatosi tra ufologi e studiosi d'arte. Sullo sfondo, in alto a destra, dietro le spalle di Maria, è visibile la presenza di un incontro ravvicinato con anche un UFO. La scena dell'oggetto è in sottofondo e piccola, con particolari che all'inizio possono sfuggire. Ma, ingrandendo l'area deputata, si nota un uomo che ha una mano sulla fronte e sta guardando con aria di stupore in cielo verso l'oggetto. Insieme a lui, vi è un cane, che pare abbaiare all'oggetto stesso. Una delle interpretazioni ufologiche più accreditate identifica nella figura "la presenza di un oggetto aereo, color grigio piombo, inclinato sulla sinistra e dotato di una cupola, apparentemente identificabile come un mezzo volante di forma ovoidale [6]".

Avvistamenti di oggetti nel cielo nell'antichità
Alcuni resoconti risalenti ai tempi di Roma antica riguardano l'apparizione di clypeus ardens (scudi ardenti in cielo); da questa esemplificazione è nato nell'ambito degli ufologi il neologismo di clipeologia riferito allo studio di presunte astronavi nei tempi antichi. Alcuni studiosi dell'ufologia hanno voluto metterli in relazione con il carro solare di Apollo, nella mitologia greca[7].
Al tempo dell'Antica Roma, Giulio Ossequente fece un catalogo con tutti i fenomeni connessi all'apparizione di strani oggetti in cielo[8]. Se per alcuni si può spiegare con fenomeni tellurici, per altri (come le numerose volte in cui il cielo "fu visto ardere") non ci sono molte spiegazioni plausibili.
Nel medioevo i resoconti di apparizioni di oggetti sconosciuti nel cielo venivano connessi dal popolo cristiano a sortilegi del diavolo (per esempio in Inghilterra gli antichi cerchi nel grano venivano attribuiti al diavolo mietitore Puck) oppure ad oggetti fuoriusciti dal mondo di Magonia, un ipotetico regno che per i medioevali si trovava al di sopra delle nuvole.
Molti quadri di tardo Medioevo o rinascimentali hanno presunti avvistamenti UFO al loro interno.
Queste interpretazioni dei dipinti sono tuttavia confutabili attraverso un'attenta analisi dell'iconografia dell'arte di quel tempo (vedi collegamenti esterni).
Il più clamoroso avvistamento di probabili UFO del passato avvenne il 14 aprile 1556, a Norimberga, ove furono visti migliaia di oggetti volanti sopra la città[9].
Vi è infine chi ritiene che il primo contatto dell'umanità con esseri alieni sia avvenuto in tempi assai remoti, influenzando in modo determinante il corso delle civiltà. Tale posizione è nota come teoria del paleocontatto o degli antichi astronauti ed è stata esplorata da vari autori, tra i quali Erich von Däniken, Peter Kolosimo e Zecharia Sitchin a partire dagli anni sessanta in una serie di libri presto divenuti best seller a testimonianza dell'interesse popolare. Secondo gli ufologi, gli alieni che per prima arrivarono sul pianeta Terra erano originari della Grande Nube di Magellano.

Il fenomeno secondo Jung
Il pioniere della psicologia del profondo Carl Gustav Jung si occupò più volte del fenomeno UFO nei suoi scritti e in particolare nel celebre saggio Un mito moderno: le cose che si vedono in cielo[10], interpretandoli come rappresentazioni psichiche inconsce legate ad avvenimenti di rilevanza collettiva.
Jung aveva iniziato a interessarsi agli UFO già negli anni quaranta, documentandosi su tutto quello che veniva pubblicato sul tema, per pubblicare infine nel 1958, tre anni prima della morte, il suo saggio, che può esser visto come una puntuale interpretazione psicologica del fenomeno, ma anche come una ricapitolazione essenziale delle sue principali idee sulla psiche, e insieme come un messaggio - uno degli ultimi - in cui trovano posto le speranze e i timori che egli nutriva sul futuro dell'umanità.
Jung vede la coscienza del nostro tempo lacerata, frammentata da un contrasto politico, sociale, filosofico e religioso di eccezionali dimensioni. L'Io si è troppo allontanato dalle sue radici inconsce; le "meraviglie" della scienza e della tecnica sembrano volgersi in forze distruttive. I dischi volanti rappresentano visioni, oggettivazioni fantastiche di un inconscio troppo duramente represso. Tra le varie ipotesi sull'esistenza degli UFO Jung conclude dunque che è "un archetipo a provocare una determinata visione".
Jung considera con distacco e una certa ironia l'esistenza degli UFO come fenomeno fisico, sebbene nell'ultima parte del suo saggio egli sembri disposto a dare maggior credito alla loro effettiva realtà, per introdurre cautamente l'ipotesi che esista una sincronicità tra inconscio e fenomeno reale.[11]


Ricostruzione ipotetica dell'incidente di Roswell

Per approfondire, vedi la voce Incidente di Roswell.
Nel 1947, l'8 luglio, il quotidiano locale Roswell Daily Record riporta che a Roswell nel Nuovo Messico il 509º Gruppo bombardieri avrebbe recuperato un oggetto volante non identificato. Nacque cosi il caso Roswell, dove un UFO si sarebbe schiantato al suolo e le parti recuperate sarebbero state portate alla base aerea di Wright Patterson. Il giorno dopo l'aeronautica militare statunitense smentì l'accaduto affermando che si trattava di un pallone-sonda aerostatico per uso meteorologico. Tuttavia, però, la base americana chiamò le pompe funebri chiedendo 2 bare per bambini e come si conservassero i cadaveri, dicendo che erano solo dati per l'archivio.[12]

Area 51
Un cartello di segnalazione che delimita l'Area 51

Per approfondire, vedi la voce Area 51.
Tra coloro che ritengono che gli UFO siano di provenienza extraterrestre gode di una certa notorietà la base militare americana denominata Area 51, nel deserto del Nevada in cui si dice siano contenute le prove (oggetti o forse addirittura corpi) delle visite di alieni sulla terra, e che vi si svolga (o vi si sia svolto) un programma di retroingegneria sugli UFO, volto alla sperimentazione di nuovi veivoli. Gli scettici affermano invece che tali avvistamenti sono imputabili solo alla sperimentazione di nuovi mezzi militari americani (come ad esempio gli aerei Stealth), talvolta caratterizzati da forme insolite.
Ad aumentare la leggenda sull'Area 51, il fatto che il governo americano tende a far diffondere poche notizie sulla base, su cui vige il segreto di stato.
Nel 1989, Bob Lazar, affermando di essere un fisico e di aver lavorato presso l'Area 51, ha raccontato in diverse interviste televisive di località segrete sotterranee dove si studierebbero mezzi di trasporto alieni e di medici che hanno effettuato autopsie su cadaveri alieni. A confermare ciò, diffuse anche alcuni video trasmessi da alcune tv americane[citazione necessaria], poi dichiarati dei falsi.

Triangolo delle Bermuda
Per approfondire, vedi la voce Triangolo delle Bermuda.
Molte ipotesi fanno pensare che le sparizioni nel Triangolo delle Bermuda siano da imputare agli extraterrestri.
Secondo gli ufologi più accreditati, gli alieni considerano come loro territorio di volo l'area del Triangolo delle Beruda (è cio che disse George Adamski[13]) e non tollerano la presenza di nessuno. Infatti pare che anche prima della famosa scomparsa del 5 dicembre 1945 di cinque aeroplani della marina USA, i piloti degli stessi dissero di vedere due globi arancioni in formazione con loro.

Cerchi nel grano
Un cerchio nel grano

Per approfondire, vedi la voce Cerchi nel grano.
Secondo Linda Moulton Howe's, Philip Mantle e Lucy Pringle lo strano fenomeno del ritrovamento di impronte geometriche nelle coltivazioni chiamate "cerchi nel grano" (crop circles) si può ricondurre all'avvistamento o all’atterraggio di UFO, ma numerose persone (tra cui Matthew Williams e gli appartenenti al gruppo che gestiscono il sito web circlemakers.org nonché il famoso Team Satana) hanno confessato di avere costruito i cerchi nel grano con l'utilizzo di semplici strumenti.
Gli ufologi che si interessano al fenomeno (Erling Strand, Jacques F. Vallee, Maurizio Baiata) preferiscono utilizzare il termine UAP (Unidentified Aerial Phenomena) ovvero "fenomeno aereo non identificato", poiché qualche volta alcuni testimoni sostengono di avere avvistato le cosiddette BOL (Ball of light: sfere di luce) in concomitanza con il ritrovamento di impronte geometriche nei raccolti. A questi collegamenti si sono aggiunte dicerie (non supportate da verifiche scientifiche) che vedevano queste BOL come concausa nella formazione dei cerchi nel grano.
I fautori della spiegazione ufologica dei cerchi nel grano ritengono che l'ipotesi di un semplice scherzo sarebbe da scartare e portano a sostegno della loro tesi il fatto che nell'area in questione verrebbero registrate particolari radiazioni, gli steli mostrano alterazioni strutturali inspiegabili (ma non risultano mai spezzati) e vengono trovati insetti morti all'interno dell'area interessata. Questi studi ripercorsi e controllati da Andrea Feliziani con il supporto del dipartimento di Energetica, del dipartimento di Scienza dei materiali e della terra e del laboratorio di Botanica dell’Università degli Studi di Ancona risultano, allo stato attuale delle indagini, severamente messi in discussione. Gli esperti del CICAP rifiutano la tesi delle presunte anomalie fisiche in quanto ritengono che i cerchi nel grano sono di semplice realizzazione utilizzando strumenti come poche corde e qualche asse di legno e le inspiegabili alterazioni degli steli (quando presenti) sarebbero spiegabili da fenomeni di tipo ortotropico, quel processo che porta la pianta a crescere in direzione del sole. Gli steli poi non si spezzerebbero perché alcune volte le piante sono ancora acerbe e quindi sufficientemente elastiche. Ufficialmente non sono mai state registrate radiazioni, mentre per quanto riguarda gli insetti morti ritrovati all’interno come all’esterno delle formazioni, la causa della morte sarebbe imputabile ad un fungo chiamato Entomophthora muscae.[14]

Dichiarazioni di "rapimenti alieni"

Schematizzazione di un "Abduction" nell'immaginario collettivo

Per approfondire, vedi la voce Abduction.
Secondo una versione modificata della classificazione prodotta dall'astronomo Josef Allen Hynek, i casi di rapimento da parte di alieni sono anche definiti come incontri ravvicinati del IV tipo. Sono spesso indicati con il termine inglese abduction. Esistono numerosi casi di persone che dichiarano di essere state rapite dagli alieni (abducted) e di essere state oggetto di analisi ed esperimenti anche molto invasivi. Tuttavia queste testimonianze non sono sostenute da prove e generalmente non sono considerate credibili. In alcuni casi, i supposti rapiti mostrano delle cicatrici come prova del "rapimento" subìto.
Tra i casi più celebri vi è il presunto rapimento del taglialegna Travis Walton: dalla sua esperienza e dalle testimonianze raccolte è stato tratto anche il noto film di fantascienza Bagliori nel buio (Fire in the sky). Il 5 novembre 1975 sette taglialegna dell'Arizona (USA) tornando verso le loro case con il camion avrebbero visto una "strana" luce discoidale nel bosco. Uno di loro, Travis Walton, avvicinatosi, sarebbe stato colpito da un raggio di luce, mentre i suoi compagni fuggirono via dalla paura. Walton riapparve solo dopo cinque giorni, in stato confusionale, raccontando di essersi svegliato all'interno di una strana cella metallica disteso su un tavolo operatorio, e attorno a tre esseri alti circa un metro; avrebbe cercato di scappare, ma sarebbe stato afferrato da "strani esseri" più alti, che dopo avergli sistemato una maschera sul viso, lo avrebbero riaddormentato. Avrebbe sentito gli esseri dire che non volevano fargli del male, solo studiare "gli strani esseri del pianeta", in perfetta lingua inglese.
Un altro caso ecclatante è il caso dei coniugi Hill che sarebbero stati rapiti mentre tornavano da un viaggio in Canada la notte fra il 19 e il 20 settembre 1961.[citazione necessaria]
In Italia l'episodio riportato come abduction più noto, per quanto controverso, è quello dell'ex metronotte Fortunato Zanfretta.

Modi di dire
Per approfondire, vedi la voce A ufo.
È diffuso il detto "a ufo", cioè "gratuitamente" o "a sbafo", che però non ha nulla a che vedere con i dischi volanti. L'espressione a ufo deriva dalla locuzione latina ad usum fabricae operis, abbreviato in AUFO. L'espressione latina veniva usata per contrassegnare i beni esentati da ogni dazio, perché, ad esempio, destinati ad opere della Chiesa Cattolica. Un caso è quello del Duomo di Milano, i cui blocchi, provenienti dal Lago Maggiore via fiume, recavano appunto la scritta AUF. Dall'espressione viaggiare AUF deriverebbe appunto il modo di dire.
Altre etimologie fanno però risalire la frase al germanico ufjô per abbondanza, altre dal latino ex ufficio (ex uff.) delle lettere commerciali senza dazio. Altre meno credibili dall'ebraico efes, gratuitamente, tramite il latino offa.

Le teorie non ortodosse di alcuni fisici sugli UFO
Alcuni fisici, alcuni dei quali lavorano per l'esercito degli USA, mentre altri sostengono di essere in rapporto con la US Intelligence Community [15], sono seriamente interessati agli UFO come macchine volanti extraterrestri. La lista dei fisici include: Dr.Michio Kaku [16], Dr.Harold Puthoff [17], Dr. Eric Davis, Dr.Bruce Maccabee [18], Dr. Mark Pesses, Stanton Friedman[19], Dr. John Brandenberg, il Dr.Jack Sarfatti [20],tutti negli USA, come pure il Dr. Gennady Shipov, russo. [21]. La lista ne comprende comunque altri. Sarfatti nel suo libro "Super Cosmos" (2005) espone la "teoria" più completa basata sulla recente scoperta di una possibile caratteristica repulsiva antigravitazionale della "Energia oscura" accettata nel Modello Standard della Fisica come la causa probabile della accelerazione della espansione del nostro Universo intesa come espansione intrinseca dello spazio tridimensionale. Sarfatti cita anche il propulsore di Miguel Alcubierre [22], detto anche "motore a curvatura" o "motore di Alcubierre" [23], che permette una velocità superiore a quella della luce, senza peso e senza l'effetto relativistico della dilatazione del tempo. Sono queste le condizioni essenziali per una "propulsione senza carburante" ottenuta con quella che Puthoff ha definito "ingegneria della metrica". L'idea fondamentale di Sarfatti è che l'astronave dovrebbe essere in grado di controllare la sua propria traiettoria a gravità zero su una linea dello spaziotempo usando piccole quantità di energia. Questa ipotesi naturalmente viene messa in discussione e non è accettata dalla corrente principale di fisici teorici, ma è presa in considerazione dalla NASA che la giudica comunque prematura per una applicazione pratica. Kaku parla di una civiltà avanzata del Tipo IV [24] in possesso di una supertecnologia molto vicina all'idea di Puthoff di una "ingegneria della metrica", la fabbrica dello stesso spaziotempo. Il Dr.Kip Thorne [25], da poco in pensione, già Richard Feynman Professor al Caltech, ha lavorato con Steven Spielberg al film "Interstellare" nel quale gli effetti speciali saranno dovuti ad effetti reali delle leggi della fisica, con la rappresentazione di viaggi nel tempo attraverso porte stellari o "star gates" sostenute dalla Energia oscura. Di recente alcuni esperimenti di Martin Tajmar [26] hanno fornito la prova migliore di una gravità artificiale. Molti gruppi ne stanno tentando la replica a partire dal 2007. In un recente articolo Tajmar cita una versione della Teoria di Heim [27], del fisico tedesco Burkhard Heim [28] e del suo collega austriaco Walter Dröscher [29], come una possibile spiegazione degli effetti ottenuti, che è di molti ordini di grandezza maggiore degli effetti previsti dalla GR o Relatività generale. L'esercito USA e la AIAA American Institute of Aeronautics and Astronautics hanno dimostrato interesse alla teorie di Burkhard Heim nel 2006 [30] anche se la posizione ufficiale della NASA sul "motore a curvatura" è al momento negativa. [31]. La NASA ha comunque preso in considerazione il "motore a curvatura" di Alcubierre [32] includendolo con le teorie di Puthoff in una lista di avvincenti nuove teorie fisiche utili per i viaggi interstellari a velocità superiori a quelle della luce [33]

Debunking degli UFO

Molti tra gli avvistamenti UFO (includendo quelli visti da Kenneth Arnold, e succesivamente, quello più famoso, Roswell) possono essere collegati ad avioggetti od oggetti di natura militare top secret. Maldestramente, sin dai tempi della burla radiofonica di Orson Welles nel 1938, i militari USA hanno utilizzato la copertura degli UFO per disorientare l'opinione pubblica.
1947 - Il pilota Kenneth Arnold avvista 9 UFO nei pressi del Mount Rainier. Proprio in quegli anni, nella vicina fabbrica aeronautica e base aerea sperimentale della Boeing di Seattle, venivano testati i bombardieri tuttala B-35 e B-49, sviluppati assieme alla Northrop Grumman. Questi aviogetti avevano motori a turbina, dunque senza elica, e non avevano ne fusoliera ne piani di coda, visti dal tettuccio curvo in plexiglass di un aereo da turismo, potevano sembrare lateralmente più stretti e curvi. Ovviamente non rispondevano alle chiamate radio perché tenuti al segreto militare.
1947 - Roswell, attualmente si conosce che in quei anni gli USA eseguivano esperimenti per l'ascolto di esperimenti nucleari sovietici, alle altezze della stratosfera, grazie a lunghe funi che sostenevano microfoni utrasensibili con coni d'ascolto quandrangolari in alluminio, il tutto sostenuto da palloni ad elio di tipo meteorologico. Il capitano Philip Corso, benché in buona fede pensasse si trattasse di oggetti E.T. descrive dei fogli flessibili e rugosi, parzialmente laceri, che sembrano lamine di alluminio o titanio molto sottili.
Anni ottanta - I triangoli volanti avvistati in questi anni, potrebbero corrispondere agli aeromobili stealth F-117 e B-2, rimasti segreti fino alla guerra del golfo del 1991.

Filmografia

Ricostruzione ipotetica dell'incontro con un foo fighter
Alcuni film rappresentativi che trattano, in maniera anche specifica, il fenomeno ufologico e i rapimenti:
La guerra dei mondi (1953)
Destinazione Terra (1953)
Il disco volante (1964)
Incontri ravvicinati del terzo tipo (1977)
Space Vampires (1985)
Starman (1986)
Essi vivono (1988)
Alien Nation: nazione di alieni (1988)
Bagliori nel buio (1993)
Mars Attacks! (1996)
Independence Day (1996)
The Arrival (1996)
Men in Black (1997)
Contact (1997)
Men in Black II (2002)
Signs (2002)
InvaXön - Alieni in Liguria (2004)
La guerra dei mondi (2005)

Fiction televisive

Rappresentazione di un Grigio, un tipo di alieno popolare nella fiction
Alcune fiction TV di fantascienza che hanno per tema gli UFO (in ordine alfabetico):
4400 (The 4400)
Alien Nation
Le fantastiche avventure dell'astronave Orion (Raumspatrouille)
Le creature del buio (Tommy Knockers), miniserie, 1993
Dark skies - oscure presenze (Dark Skies)
Una famiglia del terzo tipo (3rd Rock from the Sun)
Gli invasori (The Invaders)
Intruders (1992)
Invasion
Megaloman (Megaroman)
Mork e Mindy (Mork and Mindy)
Pianeta Terra: cronaca di un'invasione (Earth: Final Conflict)
Power Rangers (The Power Rangers)
Project UFO
Roswell (film TV, 1994)
Roswell (serie TV)
Seven Days
Smallville
Stargate SG-1
Starman
Star Trek
Taken
Threshold
UFO (UFO)
V - Visitors (V, V - The final battle)
Visitors (V)
X-Files (The X-Files)

3 commenti:

Vincenzo Mariano ha detto...

C'è molto altro da dire,ma infondo questo è un escursus molto carino.

Francescooh

sinistro ha detto...

meno male...

Anonimo ha detto...

[url=http://dcxvssh.com]BsZPDAFrPq[/url] - RPaIE - http://hhmgziigpu.com

Mel

Vita Eterna

.mid">