sabato 3 maggio 2008

Hate Mail & Love letters IV°


Gesù, perché il mondo è pieno zeppo di gente assurda ?

Non capisco perchè. Perchè una squadra di poliziotti finti rapisce una bambina ?



Perchè non c'è un'area con il divieto di rompere su questo treno ? Dov'è che si può fumare in santa pace ? E perchè quel bastardo mi sta addosso come un cattivo odore ?



[...]



allora, Morgan... la faccia partire. E ricordi... resti là. Voglio sapere... cosa... succede.



[...]



Abbiamo preso qualcosa.Lo stomaco barcolla... traballa.La pressione atmosferica cambia... il fetore schifoso del nulla più putrido, emanato da budella primordiali. Un vento ululante, caldo, umido, mi sferza come una bandiera lacerata dal caos... i rifiuti urlano e danzano in un tumulto di paura esplosiva.

Che cos'è ?

Stupido... lo sai cos'è. è l'inferno.è dietro di loro... e viene a prenderti.

No.

No, vi prego. ora no... ancora non posso... mi serve più tempo. Cristo, chi è venuto a prendermi ? una bufera di putride mascelle riduce in poltiglia la mia mente... costruisce geometrie di terrore in cui crescono implacabili bestie della morte e della pazzia, con gli occhi lucenti. Blaterano, delirano... guardano intontiti... starnazzano, corrono... senza via di fuga.



[...]



-Un incubo... impotenza al rallentatore. Nessuna scelta... ciascuno per sè... e gli altri sono nelle mani di Dio. Poveri bastardi.-



Che succede, Morgan ?



-U.U.Uno shock psichico, signore. Sono stati centrati in pieno. Ora lo stanno assorbendo.-



[...]





Tremola la luce tremola la luce... e tremola e tremola e tremola. Via via via di qua... lasciatemi lasciatemi. Tremo e fremo e rabbrividisco. Cado in una serie di tunnel...un terrore ubriaco, da vicolo cieco... un topo in un labirinto. Urla su urla... e suppliche e grida. Passo per omici luminosi... paura a sangue freddo e morti violente, violette.

Ma il treno impazzito sale la collina... sale la collina sale la collina. E i pensieri mi si schiariscono e il battito cardiaco rallenta... controllati controllati... controllati controllati... dai, bello. Tu la sai reggere, 'sta roba. Puoi cavartela molto meglio.

Alla fine il pandemonio di orrenda angoscia si placa... l'era del panico passa... non mi ha preso. Gioia pura... poi un'inondazione della più nera infelicità. Pensa, pensa. Cos'è che provoca questa pazzia ? Una psicosi di massa ? Droghe nel tè ? questo non è l'inferno... è troppo rozzo per esserlo. Qualsiasi cosa sia, mi sta uccidendo... mi soffoca con una paura densa.

Ho bisogno di uno scopo... di un obiettivo. Qualcosa che mi tiri fuori da questa follia. Devo trovare quello che mi seguiva, sarà stato lui.



[...]



Dov'è il russo, Morgan ?



-Non lo sò, signore... non lo sò... è orribile. Si sarà nascosto.-



Lo stani, Morgan. Lo trovi.



[...]



Qualcuno singhiozza qua dentro. Nello scompartimento con la scolaresca non ci sono rumori. Prima ce n'erano parecchi. Non riesco ad aprire la porta. Non ci sono rumori neanche in quello accanto... e nell'altro ancora.



Come faccio a tenerlo ? ha ricominciato.

Lo shock elementale mi afferra di nuovo per la spina dorsale e mi gira... mi fa gridare come un ossesso in una tenebra di disperazione. Soffoco, annaspo, slitto e scivolo nel caos del panico. L'inferno umano mi arriva alle ginocchia. Sono flagellato dal terrore, ridotto a una massa ignobile e tremante. Un miscuglio di morbosità che mugugna e suda e gronda e sospira.

è stato lui... e io lo prenderò.

Siamo fatti l'uno per l'altro. Conosciamo la follia del mondo. Siamo diversi da questi stupidi bastardi... noi possiamo prendercelo. Loro non c'entrano niente.

Lo tengo. stavolta, non è abbastanza forte da affrontarmi.



Vuole lui.. non me.

Andiamo troppo forte, reggiti. Sono sfiancato, atterrato in body slam. Ho il cuore in gola. Vengo scagliato nel vuoto... senza peso, libero... e poi ricatturato, sbattuto dalla legge di gravità. E il rumore, la cacofonia di grida e di urla e di ferraglia di un mondo che non fà altro che rompersi dietro i doppi vetri della mia mente intorpidita... si evolve lento e diventa ua bestia gravida di silenzio che con lenti mugugni dà alla luce i lamenti dell'acciaio torturato. Ma, strano a dirsi, la paura non c'è più.



[...]



Cosa vedi, Morgan ?

Morgan... rispondimi.



-Nient'altro, signore. Ora non vedo niente. Mi sono dovuto allontanare.-



[...]



Sono vivo e prendo aria a grandi boccate tremanti. Aria fresca, rarefatta... aria che sà di fulmine.

Sono vivo.

Ma il fanatico di Trainin spotting è morto. povero fesso. Il colpo lo aveva messo ko... l'impatto gli ha rotto il collo. Il pistolero respira... ma è svenuto. Chi è ? le parole che ha detto erano in russo... erano uguali a quelle del tipo che si è spaccato la testa sul menhir.

Due russi ? Gesù, ma che succede ? la guerra fredda non era finità ?

Rifletti, John. devi capirci qualcosa.

Chi vuole chi ?

Lui credeva che gli avessi lanciato contro qualcosa. Ma se questo qualcosa l'ha colpito, è stato un'altro a lanciarlo. E chi lancia una cosa così su un treno pieno di gente è sicuramente cattivo.

Ah, arrivano delle luci. appena in tempo. Lo shock sta passando. La gente comincia a urlare. Un momento... se non è la squadra di soccorso, allora...? Dannazione. Non hanno numeri o distintivi. è la polizia criminale dell'altro giorno. è ora di andarsene... ma non posso lasciare questo povero fesso a quei bastardi. La ragazza li distrae per il tempo sufficente. E questi bastardi subumani sono quelli che hanno preso Mercury. é di nuovo lui... quella guardia sbarra sbirro sbarra qualsiasi cosa sia.

Non mi piace.

Quanto mi tenta. è quasi come presentare un reclamo. Nah... ho sentito dire che non si spara alla gente. meglio tagliare la corda. Qui è abbastanza lontano. Non posso portarlo ancora. Dovrà correre qualche rischio. Hmm, mai conosciuti tutti 'sti russi. Qualche comunista si... ma li ho sempre trovati un pò pallosi. Chissa, forse sono un simpatizzante.



[...]



Non essere stupido, Fulton. Non ci sono testimoni.



-Ne alle Falkland... ne in Irlanda. Non sono mai stato dentro di loro, quando morivano.-



[...]



l'uomo singhiozza di nuovo. E Mercury sa cosa sta per succedere. Prova a non ascoltarlo. Ma succede lo stesso. Propio come sempre.




2 commenti:

Pantera ha detto...

non ci ho capito granchè sinceramente...

sinistro ha detto...

Non bisogna capire solo leggere, è stato un pò arduo in verità riadattare il tutto, sono presenti 4 personaggi differenti ed ogniuno partecipa con i propri pensieri o le proprie parole devo comnq. amettere che il risultato finale non è male, poteva venire peggio, rappresenta un'atacco psichico con l'arma di cui parlavamo nella precedente puntata.

Mel

Vita Eterna

.mid">