giovedì 18 settembre 2008

Non esiste nessun cambiamento vero se la Rivoluzione non avviene prima nel Pensiero






Bloody Mary




Due strade opposte, dal sud del mondo e dall'est più disperato: Cracovia è il punto di partenza di Marek, educato, bravo figliolo, con un diploma appeso al muro che ha voglia di prendere a sputi, per quanto è inutile.
Da un villaggio della Nigeria parte Aleya, ragazza di una bellezza sconvolgente e inconsapevole. Marek parte di propria volontà, attratto dal miraggio di un lavoro sicuro: raccogliere pomodori, nel sud d'Italia. Aleya è violentata, rapita, scaricata sulle nostre coste come merce, bestiame da piacere. Marek scopre la sopraffazione, lo sfruttamento estremo, il lavoro che distrugge, i traffici più nauseanti.
Aleya passa dai bordelli di lusso alla strada.
La violenza segna ugualmente i destini di Aleya e Marek. Il loro incontro casuale farà scoccare la scintilla capace di innescare un incendio. La fine sarà nel segno di un lampo accecante.




- un Libro di Marco Vichi e leonardo Gori, collane Verdenero noir di ecomafia-

2 commenti:

franco battiato ha detto...

L'evoluzione sociale non serve all'uomo
Se non è preceduta da un'evoluzione di pensiero.

sinistro ha detto...

giusto ma le due non sempre avvengono nel giusto ordine purtroppo.

Mel

Vita Eterna

.mid">