venerdì 24 ottobre 2008

Er Commercio Libbero




Bbè' ? Ssò pputtana, venno la mi' pelle:

Fo la miggnotta, sì, sto ar cancelletto:

Lo pijjo in cuello largo e in cuello stretto:

C'è ggnent'antro da dì ? Che ccose bbelle!


Ma cce sò stat'io puro, sor cazzetto,

Zitella com'e ttutte le zitelle:

E mmò nun c'è cchi avanzi bajocchelle

Su la lana e la pajja der mi' letto.


Sai de che mme laggn'io ? nò dder mestiere,

Che ssarìa bbell'e bbono, e cquanno bbutta

Nun pò ttrovasse ar monno antro piascere.


Ma de ste dame che stanno anniscoste

Me laggno, che, vvedenno cuanto frutta

Lo scortico, sciarrubbeno le poste.


-Roma, 16 Dicembre 1832-

(Questo è l'ultimo post di questo mese, è dedicato alla Carfagna e alla Germini, spero vi piaccia.)

3 commenti:

Francescooh ha detto...

Livvio io stavo pensando che forse forse questa domenica mene andavo prorpio a portaportese,a roma,per cercare qualcosa di "utile"...

Se magari ti và di andarci fammi sapere.Approposito dovemo stabilire gli orari per lunedi,ah,comunque,smpre per lunedi,credo di avere lezione per le 11,ma non temere,c'è sempre il dopo-pranzo libero.

fungo ha detto...

Bel post Liviuccio!
hehehehe...
almeno ci rido un po 'sopra...

Bella pure la canzone, il tuo blog riacquista punti. (Con "sono solo canzonette" partita all'una di notte ne aveva persi parecchi).

Oliveri, conosco il tuo "utile" e pr ciò ti amo.

Panty ha detto...

avessi io quel fisico...!

Mel

Vita Eterna

.mid">