giovedì 7 luglio 2011

Tardo pomeriggio



Ero lì mentre lui Gemeva, io tagliavo.. piano. Prima incidevo la direzione, con gesti lenti e delicati, poi affondavo con decisione nella sua pelle bianca e dura. Lui faceva resistenza, le sue urla erano acute, ferivano le orecchie.
Il caldo era stressante, piccole gocce di sudore iniziavano a scendere dalla mia fronte tanto era lo sforzo di reggerlo mentre tagliavo, Tre volte mi ha ferito, tre volte ha bevuto il mio sangue ma io l'ho spezzato e mentre l'eco del colpo si spegneva io godevo nel contemplare il mio lavoro.
Finito mi asciugo la fronte, raccolgo i pezzi, metto in ordine. Lui è li sul tavolo, mi fissa ma ormai non geme più, io mi avvicino lentamente e lo ammiro, veramente un bel lavoro.

(stralcio di una giornata di lavoro, costruzione di un plastico per l'esame di composizione 2)

6 commenti:

Ivan Pasinato ha detto...

Mi fai paura......ma che hai fatto??
LOL

sinistro ha detto...

beh.. è scritto tra parentesi, stavo tagliando il materiale per fare la base del plastico per l'esame di composizione 2

fungo ha detto...

l'ultima frase, quella tra parentesi, è una bugia vero?

sinistro ha detto...

no ;7

Luigi ha detto...

Post capolavoro

sinistro ha detto...

Devo passare giovedì, poi avrò un po di cose carine da scrivere :)

Mel

Vita Eterna

.mid">