venerdì 2 dicembre 2011

No blind spots in leopards eyes



Klaus nomi è stato un cantante tedesco di genere pop/Synthpop. Il suo genere è caratterizzato dalla mescolanza di New Wave e lirica.
La sua coreografia è retrò -futuristica ispirata agli anni '20. Suo tratto distintivo è il viso bianco da maschera Kabuki con labbra nere, corredato da un'abbigliamento e da una pettinatura Cubiste.

Il suo nome Nomi è un'anagramma del prefisso latino Omni (tutto).
Fin da piccolo era versato nel canto e crescendo ha provato a diventare un cantante lirico, non c'è riuscito e per sbarcare il lunario ha intrapreso la carriera di pasticcere. ha seguito nel corso degli anni corsi di teatro e ha fatto brevi ruoli come comparsa e maschera.

Nel '73 si trasferisce a New york dove continua ad allenare la sua voce da tenore/controtenore, qui inizia a dare brevi spettacoli negli scantinati dove diviene un'attrazione underground.
Nel '78 David Bowie lo nota e gli propone il ruolo di cantante background per lo spettacolo -Saturday night live - in onda sulla NBC.
Lo spettacolo è la sua rampa di lancio e gli vale un contratto discografico, in seguito persino Bowie si ispirerà a lui per le scelte costumistiche.

-Keys of Live- è il suo primo singolo, del 1980.

Alla fine del 1982 fa una tournée in europa al ritorno della quale gli viene diagnosticata la sieropositività all'HIV.
Molti ritengono che se non fosse scomparso cosi prematuramente sarebbe potuto divenire un artista di livello mondiale.

I suoi album:

-Klaus Nomi- 1981

-Simple Man- 1982

Nessun commento:

Mel

Vita Eterna

.mid">