sabato 31 marzo 2012

Non lo so, proprio non lo so....


Questa sera ho avuto l'ennesima conferma che sono un'asociale, la giornata era iniziata bene e la serata si preannunciava tranquilla, c'era la cover di Rino Gaetano e la si è andati a vedere con un po di gente del gruppo.

Arriviamo io e mio fratello in anticipo, per trovare parcheggio, e aspettiamo l'arrivo degli altri.

Dopo un po si è tutti al tavolo in attesa delle ordinazioni, non mi soffermo su questa parte perché non ne ho voglia ma non sono rimasto molto contento dei tempi di attesa, ne dei prezzi tra l'altro, comunque iniziano a suonare e da qui in poi esco totalmente fuori serata, non so perché ma ho voglia di starmene per conto mio e mi isolo dagli altri, ascolto il gruppo (bravi gli strumenti, ma non mi è piaciuta l'interpretazione del cantante anche se la voce ce l'ha) e penso a mille cose diverse e a niente, bo non so proprio come descrivere la sensazione, so solo che voglio andarmene ma non si può senza offendere tutti gli altri, che non capirebbero, comunque si rimane fino alla fine si saluta e si va a casa.

Mi serve un giorno tranquillo, una giornata per starmene per conto mio, non fraintendetemi mi piace stare in mezzo agli altri, solo non riesco a starci per più di un certo tempo, non ce la faccio proprio.

venerdì 30 marzo 2012

mercoledì 28 marzo 2012

martedì 27 marzo 2012

Fantascienza ? no Realtà


L'altro giorno ero con il Fungo ed Enrico vicino alla stazione di Latina, piccolo ritrovo dell'ultimo minuto, e si parlava un po di tutto, dai felici ricordi del liceo a gruppi musicali vecchi e nuovi, dalla politica al cristianesimo al satanismo e via dicendo, ad un certo punto il Fungo ci racconta un fatto realmente accaduto alquanto preoccupante su di una bambina che mentre giocava postava in tempo reale su FB...

Es : la bambina calcia il pallone, su FB scrive "calciato pallone", poi corre e scrive " correndo "

Ora secondo me questo denota che quella bambina è seriamente Malata e andrebbe aiutata, comunque questa storiella ricordò al Fungo un altro avvenimento, un gruppo di adolescenti seduti intorno ad un tavolo ognuno con il proprio cellulare in mano ignorando totalmente gli altri.

Questo episodio direttamente ed indirettamente connesso al precedente denota quanto la tecnologia dei social network stia, con molta rapidità, distruggendo l'interazione sociale. Ragionando allora per assurdo ho ipotizzato la situazione in cui quegli stessi adolescenti stessero in realtà svolgendo una conversazione tutti insieme via telefono, al che il Fungo ha contestato che era una cosa molto fantascientifica ed io gli ho ribattuto che in verità era una cosa fattibilissima  perché con la connessione ad internet è possibile collegarsi a FB dal cellulare e svolgere una conversazione con più persone in contemporanea, come se si stesse facendo conversazione faccia a faccia.

Quindi immaginatevi la scena : 15 ragazzi intorno ad un tavolo seduti ognuno fissando il proprio cellulare che fanno conversazione fra loro via internet.

è il futuro ? no è il presente  

sabato 24 marzo 2012

Art Attack



In questo periodo ci si avvicina al confine, le elezioni sono vicine e gli schieramenti cambiano formazione alla velocità della luce, nonostante tutto però pare che ci siano buone possibilità e non è dir poco.

Ieri sera alla Cantinaccia c'era la cover dei Litfiba, il cantante era un tono sopra l'originale ma per il resto se l'è cavata, anche se ogni tanto qualche parola se la mangiava, il resto del gruppo era formato da chitarra, batteria e tastiera, insomma.. un po troppo caciaroni ma  dopo tutto era una cover. Non sono caduto nella fregatura dell'altra volta, niente Guinness, in compenso mi sono preso due rosse medie doppio malto, non male anche se ho ancora molte riserve sul locale.

Dopo la terapia d'ascolto musicale abbiamo recuperato un'altro membro della spedizione e siamo partiti con un Art Attack spietato per tutta Lariano, erano le tre di notte quando abbiamo completato il giro e siamo ripassati per il centro, già qualche opera non era più al suo posto, si sospetta l'intervento di qualche banda rivale e non siamo ancora in piena Campagna ! comunque.. si ritorna a casa alle 3.54, insomma alle 4, e questa mattina allegra sveglia alle 6.40, serve aiuto in piazza e un po d'aiuto non si nega mai no ? nel pomeriggio allegro viaggio a Latina e domani mattina altra allegra sveglia, però alle 5, per affari universitari poi.. bo spero di svegliarmi ad un orario decente ma non ci spero molto.

martedì 20 marzo 2012

Ci sono periodi Morti e periodi in cui vorresti essere Morto


Ci sono periodi in cui non succede Nulla, in cui non devi studiare, non hai nulla da leggere (se leggi), non ci sono eventi di alcun genere e gli amici sono tutti impegnati o da un'altra parte. Poi ci sono quei periodi in cui il tempo sembra mettere la quinta, in cui hai da studiare, devi fare tremila faccende di casa, devi passare in tremila posti diversi nello stesso orario, vorresti andare a tremila eventi ma sono tutti nello stesso giorno o uno dopo l'altro, e vorresti uscire con gli amici ma non hai tempo.

Queste due grandi catene temporali si succedono molto spesso con cadenza ritmica, quasi seguendo uno schema prestabilito di alternanza continua, il bello è che queste categorie non hanno una cadenza definita, il loro trascorrere può variare da due giorni a due anni senza preavviso. Il bello però è che nessuna delle due da Riposo, nel primo caso ti logori nella noia e nell'attesa, nel secondo caso hai appena il tempo di respirare (se ti ricordi come si fa) e lo stress è a mille.
In sintesi ? sembra che il tempo non conosca vie di mezzo, ma in fondo è tutto alquanto relativo.

lunedì 19 marzo 2012

Deciso Fatto


Quando la decisione è chiara la meta è già raggiunta. Questa sera torno in palestra, riprendo con la Kick, mi mancava poco per arrivare a cintura nera quando ho lasciato e voglio finire il percorso, in più mi aiuterà a perdere quei chili che non vanno via con la "dieta".

p.s
l'immagine non ci azzecca nulla con il post ma è veramente
fantastica !

sabato 17 marzo 2012

Saint Patrick's Day


Serata tranquilla, speravo in una birra un po più forte ma la Guinness che danno giù alla cantinaccia di Giulianello è praticamente acqua, ho provato anche una rossa e quella era di qualità media se non che il prezzo è comunque troppo alto secondo me e non vale il servizio, però il locale è pittoresco e la disposizione per l'ascolto quasi buona.

In sintesi siamo arrivati, ci siamo messi seduti e abbiamo aspettato un pochino per ordinare, però un po è stata colpa nostra che ci siamo capiti male, comunque una volta serviti è quasi subito iniziato il concerto della cover degli U2, non mi ricordo il nome del gruppo, in realtà credo di non averlo mai saputo, ma se cercate sul sito della cantinaccia lo trovate. In se sono bravi, la voce c'è quasi ed il basso con la chitarra sono abbastanza competenti, la batteria è partita un po moscia ma si è ripresa con l'andare del concerto, io sono rimasto silenzioso per tutta la serata, a parte qualche breve scambio di battute con Daniele, non so bene perché ma non ero in serata, in realtà speravo di sciogliermi un po con la birra ma la mia sopportazione è troppo alta per le birre che ci hanno servito ed alla fine sarò stato leggermente brillo per circa dieci minuti e poi di nuovo sobrio, non so se dire che la serata è andata bene o non è andata per niente... bah in tutti i casi non conoscevo abbastanza le persone con cui sono uscito per essere pienamente me stesso, e questo mi dispiace perché sono brave persone e magari rischiavo di mandare a monte la serata, fortunatamente ognuno ha pensato a se e tutto è filato liscio.

Purtroppo non sono un tipo a cui piace parlare e meno che mai con persone che conosco a pena, mi piace ascoltare e osservare e a volte posso sembrare assente o distratto quando in realtà sono pienamente presente solo non ho niente da dire, insomma ho sentito un bel concerto ma per il resto la serata poteva andare meglio.

venerdì 16 marzo 2012

LARIANO

L'uomo non è un'animale sociale



Ora so perché i carcerati sono quasi tutti palestrati

giovedì 15 marzo 2012

Pensa


Pensa pensa pensa pensa pensa pensa pensa pensa pensa pensa pensa  pensa pensa pensa pensa pensa pensa pensa pensa pensa pensa pensa pensa pensa pensa pensa pensa  pensa pensa pensa pensa pensa pensa pensa pensa pensa pensa pensa pensa pensa pensa pensa pensa  pensa pensa pensa pensa pensa.

No

Alzati. Infila le scarpe. Prendi la giacca. La musica, la musica non deve mancare mai. ESCI.

Inizia a camminare, un piede dopo l’altro, la musica da atmosfera da ritmo, isola. Non sai dove stai andando, non ti importa, cammini per non pensare cammini per guardare il mondo al rallentatore per  vedere le piccole differenze, per capire.

Alla fine ti fermi alzi lo sguardo e vedi la luna, la luna è bella ha il suo fascino riflesso, un non so che di mistico e pratico, di vecchio e moderno. La luna se ne sta andando, e quando non ci sarà più luce nella notte cosa rimarrà ? probabilmente un ricordo, un sentimento o solamente nulla.

mercoledì 14 marzo 2012

-----------


Sono Ufficialmente INCAZZATO.
Ho voglia di prendere a calci qualsiasi cosa, so già che questa notte non dormirò. Domani mi metto una tuta e me ne vado a correre, in qualche modo devo tirar fuori questa rabbia o va a finire che esplodo tutto insieme. 

lunedì 12 marzo 2012

Birra Nera


Ieri sera io e il buon Enrico ci siamo incontrati ad Artena e ci siamo andati a fare due chiacchiere davanti ad un buon bicchiere di birra, le due chiacchiere sono durate dalle 21 alle 4 del mattino, ma si sa che quando non ci si vede da tempo si hanno molte cose da dire o nulla, in questo caso c'erano molte cose da dire.
La serata per quanto piacevole e tranquilla, aveva un che di surreale, partiamo da Artena diretti a Colleferro e qui premetto che per quanto possa apparire paradossale io che abito nei castelli da una vita non li conosco per niente, ho passato pochissimo tempo a casa e le zone che conosco di più sono Cisterna, Latina, Aprilia, Terracina, Sabaudia e Roma, quindi abbiamo deciso una meta a caso e siamo partiti pensando che una volta lì avremmo chiesto a qualcuno e cosi è stato.
Tornando un po indietro però, alla partenza, ci sono io che come al solito arrivo con i miei cinque dieci minuti di anticipo, mi parcheggio dietro il benzinaio, sento Enrico e mi metto comodo ad aspettare, ad un certo punto vedo un'ombra correre avanti e ad istinto penso " è lui ", cosi esco dalla macchina ma neanche il tempo di mettere un piede a terra che è sparito, allora mi dico " ok, ora lo chiamo" ma manco a farlo apposta è lui che mi chiama e mi dice :
" ohi Li ma quale benzinaio ..? quello della ERG ? " 
" si ti ho appena visto passare avanti "
Cosi ci incontriamo e quasi manco ci salutiamo che mi si avvicina e mi fa :
" hai notato mentre venivi quell'ombra sulla strada.. ? "
" no.. non ci ho fatto caso.. che ombra ? "
" mentre venivo su ho visto una tizia con cappotto e cappuccio, ha un borsone enorme tipo quelli da escursione e fa avanti e indietro lungo il marciapiede, mi sono avvicinato e ho notato che porta il saio da monaco, ho visto il cordone, ma non appena mi avvicino si allontana, è veramente inquietante.."
Alche lì mi sono venute in mente tutta una serie di possibilità ai confini del reale fantastiche, ma effettivamente poco probabili per spiegare la presenza di questa ombra misteriosa, custode dei suoi segreti, in attesa nella notte lungo la strada, ma dopo un poco decidiamo di lasciare l'emblematica figura lì e di preoccuparcene solo se l'avessimo ritrovata al ritorno.
Saltiamo in macchina e partiamo, lungo la strada c'è una leggera brina e avanzando cautamente mi attraversano la strada in rapida successione un grosso cane nero e, poco dopo, un gatto nero, ora sperando che il cane non sia il Gramo di Harry Potter e presumendo che il micio mi porti Fortuna continuiamo ad andare tranquilli.
Arrivati a Colleferro saliamo un po e a culo troviamo un posto veramente ottimo, il paesaggio e un po medievale un po moderno, scendiamo e iniziamo a farci un giro, dopo qualche minuto di camminata chiediamo ad un gruppo di ragazzi fuori da un Bar se ci siano Pub in zona, ci rispondono amichevolmente che ce ne sono due, uno leggermente nascosto a cui si arriva scendendo delle strette ed oscure scale, molto caratteristico, che    pero noi troviamo chiuso, e un'altro lungo la strada un più localino che Pub vero e proprio, andiamo a questo.
Il locale è piccolo e caciarone, la gente ha finito di mangiare e si sta vedendo la partita sullo schermo, noi ci avviciniamo al bancone e ordiniamo da bere, abbiamo entrambi l'aspetto di due Nazi, vestiti di nero e rasati, la gente per un po ci ha guardato di traverso ma noi ce ne siamo altamente fregati e siamo trasferiti ad un tavolino d'angolo a chiacchierare, da qui in poi la serata è tranquilla, usciti dal locale abbiamo continuato a parlare, arrivati ad un Bar ci siamo presi un caffè e ci siamo seduti, la serata è passata cosi, tra un discorso e l'altro, fino circa alle 2, poi visto che ormai non c'era più nessuno e che le luci erano quasi tutte spente abbiamo deciso di tornare ad Artena, quindi risaliamo in macchina e via.
Tornati ci fermiamo ad un'altro Bar, ordiniamo da bere anche qui e via con altri discorsi fino alle 3, ora in cui il Bar a chiuso e ci ha buttato fuori, vista l'ora decidiamo poi di avviarci e lo riaccompagno a casa, ma mentre passiamo vicino al distributore ERG dell'andata la troviamo ancora lì, l'ombra, che fa avanti e indietro senza sosta, ci fermiamo e concordi entrambi che sicuramente la signora ha qualcosa che non va scendiamo per vedere se ha bisogno di aiuto, ma come ci avviciniamo le si allontana, poi ad un certo punto si ferma e noi la raggiungiamo, Enrico si avvicina e chiede:
" signora ha bisogno di aiuto ? "
E lei in un misto di tedesco e italiano ci spiega che cerca un posto per dormire, noi allora gentilmente la accompagniamo ad un vicino locale dove danno stanze per la notte ma l'ora è tarda, il locale sbarrato e non riusciamo a trovare un campanello, allora diciamo alla signora in un misto tra inglese e italiano che più avanti c'è una chiesa che da accoglienza ma a quanto sembra lei della chiesa non ne vuole proprio sapere, cosi ci ringrazia e torna indietro, noi sinceramente preoccupati che la possano investire le diciamo cortesemente di non camminare cosi in mezzo alla strada, lei sembra capire e riprende a fare il suo avanti e indietro sul marciapiede, a questo punto io e Enrico ci salutiamo ancora un po preoccupati per la signora.
In conclusione la cosa più bella della serata è stata, oltre il rivedere Enrico dopo non si sa quanto tempo, la birra nera doppio malto speziata che ho preso al Pub, veramente una buona birra per una bella serata.    

domenica 11 marzo 2012

Partire e non tornare



.. Caddi in uno dei miei patetici periodi di chiusura. Spesso, con gli esseri umani, buoni e cattivi, i miei sensi semplicemente staccano, si stancano: lascio perdere. Sono educato. Faccio segno di si. Fingo di capire, perché non voglio ferire nessuno. Questa è la debolezza che mi ha procurato più guai. Cercando di essere gentile con gli altri spesso mi ritrovo con l'anima a fettucce, ridotta a una specie di piatto di tagliatelle spirituali. Non importa. Il mio cervello si chiude. Ascolto. Rispondo. ....

C.B Hollywood, Hollywood !

Aspetterò ancora un po ma se le cose rimangono cosi credo che metterò in pratica il caro vecchio piano B

sabato 10 marzo 2012

E’ morto Moebius












































































10 Marzo 2012, Jean Giraud Disegnatore e Sceneggiatore di Fumetti E’ morto, all’eta’ di 73 anni, il disegnatore e sceneggiatore di fumetti francese Jean Giraud, piu’ noto con lo pseudonimo di Moebius. Lo riferisce la radio Europe1, precisando che la moglie ha confermato l’informazione.

venerdì 9 marzo 2012

E io ci Sto


Mi alzo al mattino con una nuova illusione, prendo il 109 per la Rivoluzione,
e sono soddisfatto Un poco saggio un poco matto
Penso che fra vent'anni finiranno i miei affanni Ma ci ripenso però, 
mi guardo intorno per un po e mi accorgo che son solo..

Rino Gaetano 






mercoledì 7 marzo 2012

Uno contro Uno, Tutti contro Nessuno


C'è una sottile divisione tra ciò che è Comune e ciò che è Personale, soprattutto nel lavoro, molta gente spesso quando si fa parte di un Gruppo di lavoro pensa che se una sua idea o proposta non viene accettata è un'attacco rivolto alla propria persona e se la prende, magari poi ti ostacola anche quando invece tu semplicemente pensi al bene del Lavoro e non ad andargli contro per il gusto di dargli fastidio.
Questo atteggiamento porta a far perdere l'obiettivo e crea tensioni inesistenti, quando si è un gruppo e si decidono delle regole si deve pensare al totale, bisogna allargare la propria visuale e mettere da parte le proprie emozioni, se una proposta non viene accettata e ti viene data una motivazione concreta, basta è cosi si passa ad altro, si propone altro, magari la prossima idea sarà accolta con entusiasmo.

domenica 4 marzo 2012

Stanchezza


Sono Stanco, veramente Stanco

Ci sono periodi in cui penso troppo, in cui la mia mente è assillata da preoccupazioni che tornano su se stesse creando un grande circolo vizioso, in questi periodi devo assolutamente distrarmi o rischio di andare in depressione.
Di solito vedo film, sento musica, mi sfogo facendo esercizi di Kick o leggo libri, molti libri, in questi momenti sono capace di leggermi tre libri al giorno.. cerco di dare alla mente nuove cose su cui riflettere, cerco di distrarla, di stancarla, l'ideale naturalmente sarebbe stare in compagnia ma purtroppo per un solitario come me questa è l'opzione più difficile, in tutti i casi in questi periodi sono sempre molto Stanco.

venerdì 2 marzo 2012

SITO


Ragazzi se avete un po di tempo andate su questo sito e ditemi cosa ne pensate : http://www.larianopuntoeacapo.it/ 
è bene accetto qualsiasi suggerimento grafico o di stile, un Saluto a tutti 

Mel

Vita Eterna

.mid">